assicurazione professionale

Home Forum UNAEP assicurazione professionale

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Annamaria Rak 2 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #1297

    Annamaria Rak
    Partecipante

    Per stimolare un pochino il forum
    Tema assicurazione professionale. Come molti ho assicurazione (pagata dalla sottoscritta) per colpa grave quale funzionario avvocato. Mi chiedo … equivale all’assicurazione professionale prevista per legge per gli avvocati del libero foro?

    #1347
    responsabile
    responsabile
    Moderatore

    Ottimo argomento di discussione. Ci stiamo proprio interrogando su questo, Annamaria. Il mio pensiero – che desideriamo approfondire in uno specifico seminario a cui inviteremo un giudice della Corte dei Conti – è che per noi tale assicurazione equivalga a quella prevista nella legge forense.
    Infatti, da un lato noi come pubblici dipendenti (nella specie avvocati), siamo soggetti alla Corte dei Conti se rechiamo danno al nostro unico “cliente” che è un soggetto pubblico; dall’altro tende proprio a far dotare gli avvocati di assicurazione per i danni che possono arrecare ai loro tanti clienti, poiché nel libero foro avere una assicurazione per tale ragione non era un fatto usuale.
    Ma è un mio pensiero. Occorre approfondirlo e anche rapidamente.

    #1356

    Annamaria Rak
    Partecipante

    Non lo so … I dubbi li hanno anche le assicurazioni (mi bloccarono assicurazione professionale da me contratta quando avvocato del libero foro e mi obbligarono a farne una sulla colpa grave come funzionario avvocato) … Anche qui noi siamo ibridi… specie strana … un poco (tanto/troppo ) professionista e un poco (troppo poco direi) dipendente… Come fa l’avvocatura di stato? Mi chiedo ma che ci vuole a regolamentare tale categoria di lavoratori? Perché ogni comune ha il diritto di regolamentare come più piace costringendo gli avvocati a incombenze inutili e defaticanti? Anche la questione onorari, alta professionalità … una infinita disparità di trattamento così e così scarsamente tutelata. Basterebbe dire che gli avvocati (disciplinati da legge professionale) hanno diritto a stipendio decoroso e premio di risultato parametrato alle sentenze favorevoli. Così uguale lavoro e tutti uguali, con le differenze derivanti unicamente dell’essere avvocato o avvocato cassazionista e senza creare dissapori e incomprensione con altri dipendenti per le parcelle.

    #1357

    Annamaria Rak
    Partecipante

    Scusa lo sfogo, che non è assolutamente per il lavoro che UNAEP ha fatto e sta continuando a fare. Anzi grazie a unaep abbiamo avuto art. 23 legge professionale e modifica art. 9. Lo sfogo è perché purtroppo gli enti (piccoli e grandi basti pensare a Firenze che stava ancora senza regolamento) stentano a comprendere il lavoro e soprattutto il ruolo degli avvocati dipendenti e tendono a conformarci nelle categorie generali dei dipendenti pubblici. Ma noi non lo siamo e non lo saremo MAI. Perché il nostro lavoro inizia alla mattina e non termina nemmeno la notte quando veniamo svegliate da dubbi in merito a scadenze e termini o ci viene l’idea illuminante che poi ci farà vincere una causa. Non comprendono il nostro attaccamento alla causa e al cercare di fare bene per la città difendendo sempre gli interessi pubblici dell’Ente e non privati degli amministratori e o dipendenti. Noi non abbiamo orticelli da coltivare se non la nostra preparazione. Solo tra noi riusciamo a dialogare e comprenderci … Forza UNAEP

    • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 3 mesi fa da  Annamaria Rak.
Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.