TAR Campania, Salerno, II, sent. 30 agosto 2017, n. 1368 sul controllo delle presenze del personale (badge)

Il TAR Campania ha ritenuto legittimo il controllo delle presenze degli avvocati pubblici ritenendo che ciò non intacca l’indipendenza, poiché sia che il personale sia inquadrato nel Comparto che nella dirigenza, rientra tra le misure organizzative adottate dalle amministrazioni.
Queste in particolare le ragioni ritenute dal TAR campano:

  • le prerogative di autonomia ed indipendenza, nei termini riconosciuti dalla legge di ordinamento professionale agli avvocati degli enti pubblici, non sono lese da ordini di servizio riconducibili alla verifica funzionale del rispetto degli obblighi lavorativi di diligenza e correttezza nei confronti della persona giuridica pubblica datrice di lavoro, che obbligano anche l’avvocato iscritto all’elenco speciale (ex multis Consiglio di Stato, sez. V, 7 giugno 2016, n. 2434);
  • l’art. 23 della legge professionale, di cui i ricorrenti lamentano la violazione, riferisce «la piena indipendenza ed autonomia» soltanto alla «trattazione esclusiva e stabile degli affari legali dell’ente» e non trasforma affatto, ex lege, l’inerente ufficio in un organo distinto e, comunque, autonomo dal resto dell’ente;
  • la programmatica strutturazione di verifiche e controlli sull’attività lavorativa del personale non implica affatto che le peculiarità delle funzioni e delle mansioni esercitate, in particolare l’assenza di orari di lavoro prestabiliti e la maggiore autonomia nell’organizzazione dei tempi, possano essere compromesse, limitate o addirittura pretermesse“.

Tags: , ,